Seleziona una pagina

N. 676

PROPOSTA DI LEGGE

d’iniziativa dei deputati
ROSATO, BENZONI, CASTIGLIONE, DE MONTE, SOTTANELLI, DEL BARBA, RUFFINO, BONETTI, D’ALESSIO

Ratifica ed esecuzione dei seguenti Accordi: a) Accordo di partenariato strategico tra l’Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e il Canada, dall’altra, fatto a Bruxelles il 30 ottobre 2016; b) Accordo economico e commerciale globale tra il Canada, da una parte, e l’Unione europea e i suoi Stati membri, dall’altra, con Allegati, fatto a Bruxelles il 30 ottobre 2016, e relativo strumento interpretativo comune

Presentata il 5 dicembre 2022

  Onorevoli Colleghi! — Con la presente proposta di legge si chiede di autorizzare la ratifica e di disporre l’esecuzione dei seguenti Accordi:

a) Accordo di partenariato strategico tra l’Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e il Canada, dall’altra, fatto a Bruxelles il 30 ottobre 2016;

b) Accordo economico e commerciale globale tra il Canada, da una parte, e l’Unione europea e i suoi Stati membri, dall’altra, con Allegati, fatto a Bruxelles il 30 ottobre 2016, e relativo strumento interpretativo comune.

L’Accordo di cui alla lettera a) è stato approvato dal Parlamento europeo nel 2017 ed è entrato in vigore in via provvisoria ai sensi dell’articolo 218 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, limitatamente ai capitoli che riguardano materie di competenza esclusiva dell’Unione europea stessa. Il contenuto dell’Accordo richiede comunque la ratifica da parte di tutti gli Stati membri dell’Unione europea, in virtù delle competenze anche nazionali coinvolte.
Ad oggi, 11 Stati membri, tra cui l’Italia, non hanno ancora provveduto alla ratifica dell’Accordo le cui finalità sono: il rafforzamento del dialogo politico e il miglioramento della cooperazione ai livelli bilaterale, regionale e multilaterale, nonché la riaffermazione dello status strategico delle relazioni tra l’UE e il Canada. Il titolo V, relativo al settore della giustizia, libertà e sicurezza, prevede il rafforzamento della collaborazione su questioni quali le migrazioni, l’asilo e la gestione delle frontiere, la cooperazione giudiziaria, la lotta alla criminalità organizzata e informatica, alla corruzione, al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo, la protezione consolare e dei dati personali.
Quanto all’Accordo di cui alla lettera b) — cosiddetto CETA, è stato firmato nel 2016 unitamente a uno strumento interpretativo comune e a trentotto dichiarazioni unilaterali degli Stati membri e delle istituzioni dell’Unione europea, ed è stato quindi approvato dal Parlamento europeo il 15 febbraio 2017.
Si tratta di un Accordo ambizioso che offrirà nuove opportunità per il commercio e gli investimenti agli operatori economici sulle due sponde dell’Atlantico. Esso garantisce, inoltre, espressamente il diritto dei Governi di legiferare nel settore delle politiche pubbliche e della salvaguardia dei servizi pubblici (approvvigionamento idrico, sanità, servizi sociali, istruzione), dando la facoltà agli Stati membri di decidere quali servizi desiderano mantenere universali e pubblici e se sovvenzionarli o privatizzarli in futuro.
Per l’Unione europea, il CETA costituisce uno strumento per promuovere relazioni più approfondite con il Canada e per accrescere il coinvolgimento politico ed economico dell’Unione nell’ambito delle relazioni transatlantiche. Aprendo i mercati, il CETA mira a sostenere la crescita e la creazione di posti di lavoro nell’Unione europea e ad apportare ulteriori benefìci per i consumatori europei. In particolare, per quanto concerne il nostro Paese, l’attuazione del CETA comporterà un considerevole e positivo aumento delle opportunità commerciali ed economiche, consentendo un miglior accesso reciproco ai mercati e più vantaggiose opportunità di investimento.

PROPOSTA DI LEGGE

Art. 1.
(Autorizzazione alla ratifica)

  1. Il Presidente della Repubblica è autorizzato a ratificare i seguenti Accordi:

a) Accordo di partenariato strategico tra l’Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e il Canada, dall’altra, fatto a Bruxelles il 30 ottobre 2016;

b) Accordo economico e commerciale globale tra il Canada, da una parte, e l’Unione europea e i suoi Stati membri, dall’altra, con Allegati, fatto a Bruxelles il 30 ottobre 2016, e relativo strumento interpretativo comune.

Art. 2.
(Ordine di esecuzione)

  1. Piena ed intera esecuzione è data agli Accordi di cui all’articolo 1, comma 1, lettere a) e b), della presente legge, a decorrere dalla data della loro entrata in vigore, in conformità a quanto disposto, rispettivamente, dagli articoli 30 e 30.7 degli Accordi stessi.

Art. 3.
(Clausola di invarianza finanziaria)

  1. Dall’attuazione della presente legge non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

Art. 4.
(Entrata in vigore)

  1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.